dobbiamo pensare

Dal 17 al 20 novembre

Giovedì 17 ore 21
Venerdì 18 ore 21
Sabato 19 ore 21
Domenica 20 ore 16

scritto da
Carla Cavalluzzi,
Diego De Silva e
Sergio Rubini


regia di
Sergio Rubini


con
Fabrizio Bentivoglio
Michela Cescon
Isabella Ragonese
Sergio Rubini


e con
Federico Fazioli


la voce del pesce rosso è di
Giorgio Gobbi


regista collaboratore
Gisella Gobbi


scene di
Luca Gobbi


costumi di
Patrizia Chericoni


luci di
Luca Barbati


produzione
Nuovo Teatro

biglietto veloce

Cast d’eccezione per questa commedia esilarante e sofisticata, nata dalle prove per l’omonimo film. Si ride fino alle lacrime e si riflette di fronte all’irresistibile Carnage all’italiana di due coppie tra confessioni e rivelazioni su temi universali: amore, tradimento, liber­tà, solitudine, matrimonio, patrimonio…
«Coppie sull’orlo di una crisi di nervi. Uno spettacolo teatrale che è cinema: per il linguaggio, per il cast stellare, perché racconta storie che fotografano inesorabilmente tutti noi […] testo fulminante […]
Sergio Rubini, prima d’iniziare lo spettacolo spiega il perché di que­sta operazione teatral-cinematografica al pubblico: “Noi avevamo pensato al film: poi dopo tante prove, alcune aperte al pubblico, abbiamo pensato che il nostro lavoro in prova poteva diventare uno spettacolo teatrale. E così eccoci qua!”.
“Provando…dobbiamo parlare” è un ring di parole […] I dialoghi si fanno spietati, l’atmosfera senza via d’uscita rimanda al cinismo po­lanskiano di film come “Carnage”. In un bell’attico romano si fa notte mentre duellano verbalmente – in un gioco in cui alla fine tutti sono contro tutti – due coppie di amici agli antipodi. Si ride e si riflette su temi come il matrimonio, la convivenza, la solitudine, la giovinezza che se ne va, la libertà. […] Ad unire uomini e donne di destra e di sinistra c’è la solitudine, le incomprensioni di coppia, la frustrazione, il troppo amore per il denaro: insomma il mal di vivere quotidiano.
Sergio Rubini è strepitoso – una sorta di Woody Allen italiano – nel dar vita ad uno scrittore affermato ma anche un po’ frustrato. Ha circa cinquant’anni e vive con la trentenne Linda, che collabora, nell’ombra, ai suoi romanzi. Fabrizio Bentivglio è “il prof”: un famoso cardiochirurgo che ha sposato Costanza: sono entrambi benestan­ti, si tradiscono con ipocrisia e gestiscono il loro matrimonio come fosse una Spa.
[…] applausi a scena aperta ed ovazioni finali ad uno spettacolo moderno, ben recitato e ben scritto, che diventa la fotografia di tan­te coppie di oggi […] Ad aggiungere poesia, le presenze surreali di un pesce parlante e di un gatto invisibile. Spettacolo riuscitissimo».

 

(Roberto Incerti – La Repubblica)

 

«…un piccolo gioiello di dialoghi con anticlimax, attori contagiosi, essenzialità di spazio».

 

(Rodolfo Di Giammarco – La Repubblica)

Click edit button to change this text.