La bottega del caffè

la bottega del caffè
  • COMPAGNIA
    CARRO DI TESPI, Milano
  • CON
    Valentina Brivio, Davide De Mercato, Davide Miraglia, Stefano Miraglia, Umberto Miraglia, Francesca Vargiu
  • SCENE
    EsseBi, Bologna
  • COSTUMI
    Gianni Mussone
  • MUSICHE
    Davide Miraglia
  • REGIA
    Stefano Miraglia
  • QUANDO
    lunedì 21 novembre 2011 ore 10.00

[QUANDO: lunedì 21 novembre 2011 ore 10.00]

Nella commedia, fra le più importanti di Goldoni, scritta nel 1750, vi sono tanti caratteri quanti personaggi e ognuno di loro darà il suo contributo alla resa di uno spettacolo spassoso e brillantissimo.

Quelli che più vi fanno figura sono due coniugati: il marito è sregolato e la moglie, all’opposto, è sommessa e virtuosa. Il padrone della Bottega del Caffè, uomo di garbo, servizievole e officioso, si prende a cuore questa coppia sfortunata e arriva a correggere l’uno rendendo l’altra felice e contenta.

C’è il finto conte Leandro che disonestamente vive di giuoco e di furti e che corteggia la ballerina Lisaura. L’arrivo dell’inattesa moglie Placida provoca un divertente trambusto che verrà risolto dal buon Ridolfo. Vi è poi un maldicente cialtrone, tale don Marzio, soggetto veramente comico e originale:uno di quei flagelli dell’umanità che inquieta tutti, da noia ai clienti della bottega e molesta, più di ogni altro, i due amici del caffettiere.

Ecco come il malvagio è punito: egli, per fare un tratto di spirito, scopre i raggiri di uno scellerato biscazziere, onde costui è subito scoperto e maltrattato,ed il cialtrone è vilipeso e scacciato colla taccia del delatore.Il carattere del maldicente, poi, si applicava a parecchie persone conosciute dallo stesso Goldoni, e dopo più di duecento anni continua ad avere lo stesso effetto su certi individui del giorno d’oggi.

Mettiamo in scena, nella zona portuale di Venezia, l’osteria di Ridolfo, che per seguire la moda corrente si è trasformata in bottega di caffè, e la biscazza di Pandolfo, dove si perpetua l’eterna passione dell’uomo per il gioco. Nei due ambienti, appaiati, si svolgono le vicissitudini dei personaggi: ipocrisie e amori da un lato, fortune e rovine dall’altro, fino a fondersi in un unico clima puramente veneziano dove si conclude la commedia.

Eleganti costumi dell’epoca, un commento musicale che vagamente ricorda l’origine sudamericana del caffè e un suggestivo gioco di luci completano l’allestimento.

[Scarica la scheda in PDF de "La bottega del caffè"]

PREZZI DEI BIGLIETTI

Intero: € 6,00
Ridotto: € 4,00 (per diversamente abili e promozione speciale per la seconda prenotazione)

Per le persone diversamente abili è possibile, su richiesta, l’accesso direttamente in Sala.

Per le modalità di prenotazione e per scaricare il modulo di adesione o compilarlo nella versione on-line: INFO E PRENOTAZIONI